Inutile girarci intorno, una pagina web o un post sui Canali Social devono creare una reazione negli utenti che navigano. Poi bisogna essere bravi a canalizzare quella reazione, in modo da avere un risultato in termini di contatto, di ritorno, di booking, di vendita, di iscrizione, di richiesta. Insomma bisogna essere bravi (e fortunati) a convertire una nostra azione di comunicazione in un ritorno. Quindi stiamo facendo un passaggio qualitativo, dalla necessità di portare gente su una pagina, a quella di farla interagire. Ecco il concetto di creare engagement quando si deve gestire un profilo Social e si devono raggiungere degli obiettivi.

E' uscita qualche mese l'ultima release di WordPress 5.5.1, il software CMS open source che alimenta il 38% dei siti web in rete. Come dice lo slogan che accompagna questa release di WP si punta a migliorare:

  • Velocità
  • Ricerca
  • Sicurezza

Le caratteristiche del server web raccomandate sono:

  • Versione 7.4 o superiore di PHP;
  • Versione di MySQL 5.6 o superiore, oppure MariaDB 10.1 o superiore;
  • Consigliati anche Apache o Nginx come opzioni affidabili e robuste per l'esecuzione di WordPress, ma nessuna delle due opzioni è obbligatoria.


La disciplina del Project Management necessita di un grande equilibrio tra hard skills e soft skills. Personalmente (però) tendo sempre a spostare la bilancia verso le competenze meno tecniche del lavoro, ma che riguardano soprattutto la gestione delle persone. Le soft skills come leadership, motivazione, gestione dei conflitti, team building hanno la capacità di far arrivare le persone oltre le loro competenze specifiche e raggiungere risultati insperati. Permettono di avere un confronto seirio e leale, rivolto all'obiettivo.


Sono 17 i fattori che determinano maggiormente il posizionamento SEO 2020 del tuo sito web nelle SERP dei motori di ricerca, alcuni sono molto tecnici, ma possiamo dire che ormai c'è poco da scoprire e si tratta spesso di lavorare bene sulla struttura e sopratutto sui contenuti delle tue pagine web. 

SEMrush ha utilizzato un algoritmo di machine learning per trovare i migliori fattori di posizionamento nella ricerca organica. Hanno analizzato 600.000 keywords per ottenere questi 17 fattori SEO. I risultati in alcuni casi sono scontati e conosciuti da tempo. Ciò che ci colpisce di più, è che quasi tutti riportano alla qualità dei tuoi contenuti del sito web, direttamente o indirettamente. Li riportiamo qua sotto:

Centro Documentale Sa Sartiglia Oristano

Quanto è necessario introdurre la tecnolgia e le soluzioni interattive e multimediali in un museo?

Utilizziamo in maniera intelligente le tecnologie digitali per offrire la possibilità ad ogni museo in Sardegna di coinvolgere, emozionare e far partecipare attivamente il pubblico nel percorso di visita. Questo perchè non c’è dubbio che la tecnologia (buona) sia uno strumento di esperienza museala e faciliti la comunicazione.

Spesso in questo periodo di crisi, si perdono le distanze dalle best practice della comunicazione. Per gli hotel, anche in questo periodo pandemico, la comunicazione non è un orpello. Anche perchè gli utenti non dimenticano e bisogna concentrarsi soprattutto nella comunicazione sui social. Molti hotel di piccole dimensioni hanno valutato di chiudere, altri hanno oggettive difficoltà, altri ancora non possono chiudere e sono in attesa di ammortizzatori sociali per il personale ridotto all'osso. In questo momento ne approfitterei per rinfrescare i contenuti del sito web e studiare una comunicazioni nen fatta per il futuro.  I dieci punti fondamentali dove migliorare la comunicazione online del tuo hotel:

Link building nel sito


Intanto lo scopo dei backlink (link verso il nostro sito web) è dare una certa importanza alle nostre pagine, in termini di popolarità e autorevolezza. Ottenerli è piuttosto difficile e l'algoritmo anti spam di Google è sempre più potente e presta grande attenzione alla struttura della pagina, al contenuto, alla pertinenza, all'utilità, ecc. Se il tuo sito ha un buon numero di link di qualità allora si comporterà bene nelle SERP e se hai link acquistati, questi devono sembrare naturali, altrimenti avrai grossi problemi nel posizionamento sui motori di ricerca. Ecco alcuni consigli utili:

Realtà aumentata nel museo


Nel nostro percorso di studio e sviluppo per i musei di Interfacce Naturali (NUI design di interfaccia naturali), abbiamo collegato i principi di Realtà Aumentata (AR) all'utilizzo di semplici device, come smartphone o tablet. Se è vero che le Natural User Interfaces sarebbero prive di interazione fisica con un device, ci siamo resi conto, che per gli utenti non millennials, risultano complicate nell'utilizzo pratico, complicando la visita. Sono supporti invece molto diffusi (e semplici da usare) in un contesto museale smartphone e tablet, e volevamo capire come poter minimizzare questa infrastruttura tecnologica per offrire un'eperienza di visita efficace.


"I musei non sono fine a se stessi, ma un mezzo al servizio dell’umanità".
Questa affermazione di Alma Wittlin (una luminare in tema di concettualità degli allestimenti museali) è valida non solo per i musei, ma per tutti i beni culturali, in quanto fonte di pensiero, esperienza, sensazioni e in una parola di conoscenza e portatori di valore, non solo culturale, ma sociale, proprio in quanto produttori e generatori di sensazioni. Il museo per farla breve è espressione sociale, culturale, economica di un territorio ed è ad esso indissolubilmente legato come memoria del passato, cemento del presente e carburante per il futuro. Penso che in Sardegna, più che in ogni altra Regione, questo concetto di legame col passato sia indissolubile.




Intanto di cosa si tratta. Il cloud è una nuvola di dati e servizi, sempre accessibile se hai una connessione Internet, da qualsiasi dispositivo e in qualsiasi luogo. Il cloud è presente nella nostra vita quotidiana, ma purtroppo la confusione sul suo uso, ha dato luogo a una serie di miti informatici, spesso generando paura negli utenti. Vediamoli:

1- Il Cloud è intrinsecamente insicuro. 
Il più grande mito, è che i dati non sono al sicuro nella nuvola.  Purtroppo c'è una percezione naturale nel credere che le cose al di fuori del nostro controllo sono intrinsecamente insicure, mentre provider come Microsoft stanno facendo enormi sforzi per garantire i loro ambienti, cose che il cliente medio non potrebbe mai fare. Il cloud computing aumenta la sicurezza in un modo esponenziale a causa delle economie di scala.

Hai già capito quale strategia usare per migliorare la tua visibilità su Instagram? Andiamo a vedere come quattro delle aziende di maggior successo su Instagram, hanno risposto al cambiamento dell'algoritmo e in che modo la tua attività/azienda può fare lo stesso e copiare i segreti di social media marketing. Imparare dai grandi Brand fa sempre bene. Ovviamente, se usi Instagram come social per condividere la tua vita personale ed i tuoi interessi privati e quindi non hai come obiettivo monetizzare o promuovere, le strategie non ti serviranno o al limite, potrebbe essere più utile unirsi ad un POD, per aumentare un pò i followers con interessi simili ai tuoi.




#1 Creare link specifici nella campagna Instagram

Ben & Jerry's ha un bellissimo profilo Instagram, molto divertente e colorato. Sono una delle aziende più creative e coraggiose sul mercato ed il loro account Instagram è ben studiato.